KOS

KOS

KOS è leader in Italia nel long-term care per numero di strutture e posti letto. La società è stata fondata da CIR nel 2002 e opera prevalentemente nelle residenze per anziani, nella riabilitazione funzionale complessa e nella terapia psichiatrica.

Ancor block

KOS in breve

KOS gestisce 137 strutture nel settore del long-term care (residenze per anziani, riabilitazione funzionale e riabilitazione psichiatrica) per un totale di circa 12.500 posti letto. Opera in Italia, prevalentemente nel Nord e nel Centro, e dal 2019 in Germania, grazie all’acquisizione di Charleston Holding. È attiva anche nell’alta tecnologia medica, con iniziative in Italia, UK e India, e nella gestione di ospedali.

La società si contraddistingue per l’alta qualità del servizio, la massima attenzione alle esigenze dei pazienti e l’innovazione tecnologica. I suoi servizi integrano e completano il panorama di offerta del Servizio Sanitario Nazionale italiano. KOS impiega circa 11.800 dipendenti.

La società è controllata al 59,5% da CIR e partecipata per la restante quota da F2i Healthcare. 

KOS ha realizzato nel 2019 ricavi per € 595,2 milioni, un EBITDA di € 141,3 milioni e un utile netto di € 30,3 milioni. 

€ 595,2 M

RICAVI NEL 2019

137

STRUTTURE

12.500

POSTI LETTI

11.800

DIPENDENTI

Il mercato dove opera KOS è in forte crescita per motivi strutturali, legati all’invecchiamento della popolazione, all’incremento della vita media, all’evoluzione degli stili di vita e alla maggiore incidenza di alcune patologie. CIR, sin dall’avvio della società nel 2002, ne ha sempre sostenuto la crescita, sia a livello organico sia rafforzandone il ruolo di polo aggregatore. 

Ricavi pro-forma 2019 per attività (Milioni di €)

(include i ricavi 12 mesi di Charleston)

LabelValoreUnitàDettaglioGroup
Riabilitazione funzionale25,5%185,1 MLong-term care | : 84,2 % – 609,8 M
Residenze per anziani52,7%382,1 MLong-term care
Riabilitazione psichiatrica5,9%42,6 MLong-term care
Diagnostica e cure oncologiche10,8%78,2 M
Acute care5,0%36,5 M

Ricavi pro-forma 2019 per aree geografiche (Milioni di €)

(include i ricavi 12 mesi di Charleston)

LabelValoreUnitàRaggruppamentoBordo
Lombardia169,0 M
Marche147,6 M
Emilia-Romagna56,0 M
Piemonte47,7M
Veneto31,0 M
Liguria21,2M
Lazio21,2M
Toscana17,8M
Trentino-Alto Adige9,9M
Campania9,6M
Umbria4,0M
Puglia1,5M
Molise1,2M
SPAZIO
Germania156,4M
India20,7M
UK9,7M

Long-term care 

L’area long-term care, che rappresenta l’80% dei ricavi di KOS, è articolata in quattro rami di attività con altrettanti brand: Anni Azzurri, Santo Stefano, Neomesia e Charleston. KOS è leader in Italia nel settore, e continua a crescere con oculate acquisizioni e attraverso la creazione di strutture greenfield. 

Nel 2017 i brand Anni Azzurri, Santo Stefano e Neomesia sono stati riuniti nella società KOS Care, con l’obiettivo di mettere a disposizione di tutti i pazienti l’esperienza maturata dal gruppo nei vari settori.

525.670
Residenze per anziani non autosufficientiPosti letto

KOS è con il brand Anni Azzurri il primo operatore privato in Italia nelle residenze per anziani. In un Paese che si confronta con un crescente invecchiamento – si stima che nel 2027 oltre un quarto della popolazione sarà anziana – e dove gli attuali ritmi di vita non sempre consentono alle famiglie di assistere i propri parenti, la richiesta di strutture attrezzate diventa esponenziale. Le residenze di KOS, collocate principalmente in Nord e Centro Italia, rappresentano una risposta d’eccellenza a sfide sempre più complesse, permettendo anche l’accoglienza di pazienti affetti da demenze e altre patologie degenerative complesse.

La società sta valutando opportunità di crescita, in particolare in Italia del Sud. 

484.119
Residenze per anziani non autosufficientiPosti letto

KOS opera in Germania da novembre 2019 attraverso il gruppo Charleston, attivo nella fornitura di servizi residenziali per anziani non autosufficienti e di servizi ancillari per pazienti anziani e con elevata disabilità. Con 48 residenze per anziani, Charleston è fra i primi dieci operatori tedeschi attivi nella parte occidentale del Paese, è un gruppo strutturato per crescere ulteriormente nel mercato tedesco. Con circa 880mila posti letto residenziali, dei quali circa il 40% gestito da operatori privati, la Germania rappresenta oggi uno dei principali mercati europei e beneficia, grazie ai fattori demografici e alla solidità del sistema di finanziamento, di interessanti prospettive in termini di stabilità e crescita.

16251.607
Centri di riabilitazioneCentri ambulatoriali di riabilitazione e diagnosticaPosti letto

Con il marchio Santo Stefano KOS è uno dei principali operatori privati nella gestione di strutture di riabilitazione funzionale complessa e nel trattamento delle gravi cerebrolesioni (per esempio, post coma o ictus), delle patologie neurologiche, delle patologie dell’apparato muscolare e scheletrico di origine traumatica o cronico-degenerative. Santo Stefano si pone all’avanguardia nel settore, con strutture specializzate in alcune patologie neuro-degenerative (sclerosi multipla, SLA, Parkinson). 

KOS sta valutando tutte le opportunità di sviluppo in questo campo, anche nei principali paesi europei. 

APPROFONDIMENTO

InTeRLab, il laboratorio di Santo Stefano per l’innovazione tecnologica

InTeRLab (Santo Stefano Innovative Technologies in Rehabilitation Lab) è un laboratorio e centro di ricerca applicata, che coordina tutti i processi di innovazione tecnologica nelle attività di riabilitazione.

Nei processi riabilitativi, infatti, sono sempre più diffuse le tecnologie avanzate, in particolare la robotica e la realtà virtuale. I macchinari più innovativi, affidati a professionisti adeguatamente preparati, permettono un recupero funzionale più veloce ed efficace. InTeRLab collega tutte le sedi del gruppo Santo Stefano e rappresenta un sistema centralizzato per la definizione dei protocolli, l’analisi dei dati, la formazione del personale e l’introduzione delle apparecchiature nella pratica clinica quotidiana.

APPROFONDIMENTO

La robotica al servizio della riabilitazione

La robotica e la realtà virtuale rappresentano soluzioni avanzate fondamentali nell’ambito della riabilitazione. I macchinari più innovativi permettono di migliorare del 10-15% gli esiti del trattamento dopo un ictus, un’emorragia cerebrale o un trauma cranico.

La robotica non è una protesi: permette e stimola la rigenerazione neuronale, supportando la capacità riabilitativa del terapista. 
Le nuove tecnologie permettono di personalizzare più efficacemente le cure grazie alla registrazione precisa dei parametri del paziente durante le sedute. 

L’esoscheletro bionico EKSO, realizzato dalla società californiana Bionics, è fra le innovazioni più sorprendenti utilizzate da Santo Stefano. Consente alle persone con deficit motori agli arti inferiori di raggiungere la postura eretta e di deambulare. Si tratta di un robot indossabile sopra gli indumenti, che viene attivato grazie al bilanciamento del corpo.


APPROFONDIMENTO

Domotica e telemonitoraggio

L’Istituto Santo Stefano, presso la sede a Porta Potenza Picena nelle Marche, ha realizzato una “casa domotica” caratterizzata da sistemi tecnologici avanzati. La casa è stata pensata per ospitare tre pazienti con gravi disabilità, che hanno sempre vissuto all’interno dell’Istituto, ma che oggi sono in grado di condurre una vita indipendente.

In fase di costruzione sono stati recepiti i suggerimenti dei tre ospiti che ora vivono in autonomia nella loro “smart home”, sperimentando una forma di semi-residenzialità a domicilio. 

Santo Stefano è anche specializzato nell’assistenza ai pazienti in stato vegetativo persistente e con gravi insufficienze respiratorie attraverso sofisticati sistemi di telemonitoraggio. 

7103
Cliniche specialisticheComunità terapeutiche riabilitative psichiatricheComunità terapeutiche riabilitative psichiatriche per minori

KOS è, attraverso Neomesia, il primo gruppo in Italia a disporre di una rete di strutture psichiatriche sul territorio. Propone setting terapeutici diversi (dalla comunità terapeutica alla clinica psichiatrica) per la presa in carico di pazienti di diverse età affetti da patologie psichiatriche. L’approccio di KOS alla psichiatria è il modello biopsicosociale che considera la persona nella sua completezza, tenendo conto dello stato di salute generale del paziente e dei suoi bisogni in relazione all’ambiente esterno nel quale tornerà a vivere.

APPROFONDIMENTO

La cura dei disturbi alimentari

I disturbi dell’alimentazione sono patologie complesse di cui si riconosce l’origine multifattoriale sebbene non tutti i fattori implicati siano stati ad oggi individuati.

Il trattamento di queste patologie in Neomesia si basa sulla definizione di un progetto riabilitativo mirato non solo al recupero fisiologico nutrizionale attraverso il ripristino delle corrette abitudini alimentari, ma anche ad un intervento riabilitativo psichiatrico che permetta il recupero dal punto di vista sociale.

I percorsi terapeutici hanno l’obiettivo in primo luogo di correggere le complicanze fisiche della malnutrizione, normalizzare il comportamento alimentare per raggiungere e mantenere una condizione di normopeso, ripristinando le normali sensazioni di fame e sazietà. In secondo luogo, hanno lo scopo di affrontare la restrizione dietetica cognitiva, correggendo le complicanze psicosociali della malnutrizione.

Diagnostica e cure oncologiche 

373.000
Ospedali dove Medipass è presentePazienti al giorno sottoposti a procedure diagnostiche o terapeutiche

KOS, attraverso Medipass, è presente in Italia, India e UK nel settore dell’alta tecnologia ospedaliera: progetta, realizza e gestisce servizi avanzati di diagnostica per immagini e di diagnosi e terapia oncologica, in collaborazione con ospedali e strutture sanitarie pubbliche e private. Medipass è attiva in 37 ospedali – fra cui il Policlinico “A. Gemelli” di Roma – e gestisce oltre 1.000 apparecchiature di medio-alta tecnologia. 

Medipass rappresenta il 13% dei ricavi di KOS.

Acute care

123
Posti letto

KOS è presente nel settore dell’acute care con la gestione in concessione da Regione Lombardia dell’Ospedale Fratelli Montecchi di Suzzara (123 posti letto). Questo settore rappresenta il 7% dei ricavi di KOS.

All’interno dell’area long-term care KOS gestisce la casa di cura Villa dei Pini (177 posti letto) a Civitanova Marche specializzata nel settore acuti.

KOS nel mondo

KOS opera prevalentemente in Italia, in particolare in 11 regioni del Nord e del Centro: Lombardia, Piemonte, Veneto, Liguria, Trentino-Alto Adige, Toscana, Emilia-Romagna, Marche, Umbria, Lazio e Campania. La società, inoltre, ha intrapreso da diversi anni un percorso di sviluppo internazionale nel settore delle cure oncologiche nel Regno Unito e in India e recentemente nel long-term care in Germania.  

Documenti

I bilanci annuali di KOS sono disponibili nella pagina Bilanci e relazioni.



Bilancio 2019

Contatti