Home » Sostenibilità » Anti corruzione e prevenzione dei reati

Anti corruzione e prevenzione dei reati

CIR si è dotata di un “Modello di Organizzazione e Gestione e Controllo” in linea con le prescrizioni del Decreto Legislativo 231/2001 sulla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, al fine di assicurare condizioni di correttezza e di trasparenza nella conduzione delle attività aziendali.

Il Modello è periodicamente sottoposto a verifica di adeguatezza e, laddove necessario, aggiornato allo scopo di garantirne la continua rispondenza alle intervenute novità normative e della struttura organizzativa.

Nel Consiglio di Amministrazione del 28 luglio 2017 è stata approvata l’ultima versione del “Modello di Organizzazione e Gestione e Controllo” adottato dalla società dopo l’aggiornamento reso opportuno sulla base degli esiti del self-assessment effettuato a fine 2016 e delle più recenti innovazioni normative. Il nuovo Modello, oltre all’integrazione del catalogo dei reati presupposti nella Parte Generale avvenuta nel 2016, è stato ridefinito nella struttura, articolata secondo una logica per ‘processo’, rispetto alla precedente tradizionale rappresentazione per fattispecie di reato. Questo rende il nuovo Modello maggiormente fruibile per i destinatari e di più efficace attuazione.

Il Modello si compone di una “Parte Generale” e di quattro “Parti Speciali”:
  • Parte Speciale A – Codice Etico, che richiama integralmente il Codice Etico;
  • Parte Speciale B - Reati 231 rilevanti e Processi sensibili, relativa alla rappresentazione dei reati ex. D.lgs. 231/2001 ritenuti rilevanti per la Società dei Processi Sensibili a rischio di potenziale commissione degli stessi;
  • Parte Speciale C - Processi Sensibili: principi di comportamento e controllo, un’elencazione dei Principi generali di comportamento applicabili a tutti i Processi Sensibili, e per ciascun Processo Sensibile, l’indicazione delle componenti portanti del sistema di controllo interno e dei principi specifici di comportamento atti a prevenire il rischio di commissione dei reati contemplati dal Decreto;
  • Parte Speciale D - Reati di Market abuse: principi di comportamento e controllo, che riguarda la trattazione specifica delle tematiche in tema di Market abuse.

CIR ha provveduto a nominare l’Organismo di Vigilanza, composto da due membri esterni e dal Direttore Internal Auditing della società, che ha il compito di sorvegliare sull’efficacia, il funzionamento, l’osservanza e il costante aggiornamento del Modello.

Anche le società del gruppo si sono dotate di un proprio Modello Organizzativo, attraverso il quale forniscono chiare regole di condotta, schemi di controllo e misure per salvaguardare la salute e la sicurezza sul lavoro ai propri dipendenti, in un’ottica di sempre maggiore trasparenza nella conduzione delle proprie attività.