Home » Governance » Compensi

Compensi

Le politiche retributive di CIR sono orientate a garantire una competitività sul mercato del lavoro in linea con gli obiettivi di crescita e fidelizzazione delle risorse umane, oltre che a differenziare gli strumenti retributivi sulla base delle singole professionalità, competenze e ruoli aziendali. Le linee guida della policy sono determinate secondo criteri idonei ad attrarre, trattenere e motivare persone dotate di qualità professionali adeguate per gestire efficacemente il gruppo. La società provvede a mantenere allineate le retribuzioni ai benchmark di mercato, applicando criteri e parametri retributivi premianti al verificarsi di particolari situazioni di merito. Non si è reso necessario stipulare intese che consentano alla società la restituzione di componenti variabili della remunerazione poiché l’attribuzione delle stesse attraverso strumenti finanziari è legata a due elementi ed in combinazione fra loro: il decorrere del tempo e l’apprezzamento del titolo sul mercato, entrambi previamente determinati e misurabili.

Il compenso (ex art. 2389 C.C.) attribuito al presidente e all’amministratore delegato e direttore generale (in quanto amministratore esecutivo), ed agli amministratori non esecutivi, per la loro partecipazione ad uno o più comitati, è determinato annualmente in misura fissa ed è commisurato all’impegno richiesto a ciascuno di essi. La struttura della remunerazione del direttore generale e dei dirigenti con responsabilità strategiche è costituita da una parte in denaro e da una parte in strumenti finanziari.

I piani di remunerazione basati su strumenti finanziari della società sono approvati dall’Assemblea degli Azionisti e tengono conto delle indicazioni dell’art. 6 del Codice di Autodisciplina, in un’ottica di perseguimento dell’obiettivo prioritario della creazione di valore per gli azionisti in un orizzonte di medio-lungo periodo. 

Nelle seguenti pagine è possibile trovare le informazioni riguardanti i compensi e i piani di incentivazione relativi a consiglieri, sindaci e amministratori che ricoprono cariche in CIR.