settembre

15

2014

Sogefi: molle ultraleggere al debutto sulla nuova Audi A6 Avant Ultra

Le prime molle elicoidali in materiale composito (GFRP  - glass fiber reinforced polymer), brevettate da Sogefi e sviluppate con Audi, garantiranno alla nuova vettura una riduzione di peso di 4,4 kg

Milano, 15 settembre 2014
 - Sogefi, societā di componentistica per autoveicoli del gruppo CIR, produrrā le prime molle ammortizzatore in materiale composito per la nuova Audi A6 Avant 2.0 TDI ultra (140kW). Audi č la prima casa automobilistica al mondo a introdurre sul mercato con una produzione in serie la nuova tecnologia sviluppata con Sogefi. Le molle ammortizzatore, in particolare, garantiranno alla A6 Avant 2.0 una riduzione di peso di circa 4,4 kilogrammi rispetto alla tecnologia tradizionale, con un minor consumo di carburante, una migliore precisione di guida e maggiore comfort.

Sogefi, tra i leader mondiali nei sistemi motore e nei componenti elastici per sospensioni, ha brevettato questa tipologia di molla elicoidale in materiale composito con un peso tra il 40 e il 70% inferiore rispetto alle molle in acciaio tradizionali. Le nuove molle possono essere montate su vetture e veicoli commerciali leggeri senza modificarne il sistema di sospensione, garantendo una riduzione di peso di 4-6 kilogrammi del veicolo (in base al tipo di veicolo e al design della molla) e una significativa riduzione della massa non sospesa migliorando la precisione di guida. L'utilizzo in sostituzione dell'acciaio di questi materiali non soggetti a corrosione garantisce inoltre una minore rumorositā e una significativa riduzione delle emissioni di CO2 (fino a - 0,5 g per km). Le nuove molle in materiale composito garantiscono anche un miglioramento dell'impatto ambientale del processo di produzione rispetto a quello tradizionale. La realizzazione delle nuove molle, infatti, richiede un utilizzo di energia inferiore con conseguente ulteriore riduzione delle emissioni di CO2. 

15 settembre 2014 | 11:41 CEST

Contatti

23 gennaio 2020 |  14:48  Milano
  Var %
CIR 1,06 -0,19 %
GEDI 0,46 -0,11 %
SOGEFI 1,35 -1,32 %
I dati sono forniti da Investis

settembre

15

2014

Sogefi: molle ultraleggere al debutto sulla nuova Audi A6 Avant Ultra

Le prime molle elicoidali in materiale composito (GFRP  - glass fiber reinforced polymer), brevettate da Sogefi e sviluppate con Audi, garantiranno alla nuova vettura una riduzione di peso di 4,4 kg

Milano, 15 settembre 2014
 - Sogefi, societā di componentistica per autoveicoli del gruppo CIR, produrrā le prime molle ammortizzatore in materiale composito per la nuova Audi A6 Avant 2.0 TDI ultra (140kW). Audi č la prima casa automobilistica al mondo a introdurre sul mercato con una produzione in serie la nuova tecnologia sviluppata con Sogefi. Le molle ammortizzatore, in particolare, garantiranno alla A6 Avant 2.0 una riduzione di peso di circa 4,4 kilogrammi rispetto alla tecnologia tradizionale, con un minor consumo di carburante, una migliore precisione di guida e maggiore comfort.

Sogefi, tra i leader mondiali nei sistemi motore e nei componenti elastici per sospensioni, ha brevettato questa tipologia di molla elicoidale in materiale composito con un peso tra il 40 e il 70% inferiore rispetto alle molle in acciaio tradizionali. Le nuove molle possono essere montate su vetture e veicoli commerciali leggeri senza modificarne il sistema di sospensione, garantendo una riduzione di peso di 4-6 kilogrammi del veicolo (in base al tipo di veicolo e al design della molla) e una significativa riduzione della massa non sospesa migliorando la precisione di guida. L'utilizzo in sostituzione dell'acciaio di questi materiali non soggetti a corrosione garantisce inoltre una minore rumorositā e una significativa riduzione delle emissioni di CO2 (fino a - 0,5 g per km). Le nuove molle in materiale composito garantiscono anche un miglioramento dell'impatto ambientale del processo di produzione rispetto a quello tradizionale. La realizzazione delle nuove molle, infatti, richiede un utilizzo di energia inferiore con conseguente ulteriore riduzione delle emissioni di CO2. 

15 settembre 2014 | 11:41 CEST

Contatti

settembre

15

2014

Sogefi: molle ultraleggere al debutto sulla nuova Audi A6 Avant Ultra

Le prime molle elicoidali in materiale composito (GFRP  - glass fiber reinforced polymer), brevettate da Sogefi e sviluppate con Audi, garantiranno alla nuova vettura una riduzione di peso di 4,4 kg

Milano, 15 settembre 2014
 - Sogefi, societā di componentistica per autoveicoli del gruppo CIR, produrrā le prime molle ammortizzatore in materiale composito per la nuova Audi A6 Avant 2.0 TDI ultra (140kW). Audi č la prima casa automobilistica al mondo a introdurre sul mercato con una produzione in serie la nuova tecnologia sviluppata con Sogefi. Le molle ammortizzatore, in particolare, garantiranno alla A6 Avant 2.0 una riduzione di peso di circa 4,4 kilogrammi rispetto alla tecnologia tradizionale, con un minor consumo di carburante, una migliore precisione di guida e maggiore comfort.

Sogefi, tra i leader mondiali nei sistemi motore e nei componenti elastici per sospensioni, ha brevettato questa tipologia di molla elicoidale in materiale composito con un peso tra il 40 e il 70% inferiore rispetto alle molle in acciaio tradizionali. Le nuove molle possono essere montate su vetture e veicoli commerciali leggeri senza modificarne il sistema di sospensione, garantendo una riduzione di peso di 4-6 kilogrammi del veicolo (in base al tipo di veicolo e al design della molla) e una significativa riduzione della massa non sospesa migliorando la precisione di guida. L'utilizzo in sostituzione dell'acciaio di questi materiali non soggetti a corrosione garantisce inoltre una minore rumorositā e una significativa riduzione delle emissioni di CO2 (fino a - 0,5 g per km). Le nuove molle in materiale composito garantiscono anche un miglioramento dell'impatto ambientale del processo di produzione rispetto a quello tradizionale. La realizzazione delle nuove molle, infatti, richiede un utilizzo di energia inferiore con conseguente ulteriore riduzione delle emissioni di CO2. 

15 settembre 2014 | 11:41 CEST

Contatti

@cirgroup

settembre

15

2014

Sogefi: molle ultraleggere al debutto sulla nuova Audi A6 Avant Ultra

Le prime molle elicoidali in materiale composito (GFRP  - glass fiber reinforced polymer), brevettate da Sogefi e sviluppate con Audi, garantiranno alla nuova vettura una riduzione di peso di 4,4 kg

Milano, 15 settembre 2014
 - Sogefi, societā di componentistica per autoveicoli del gruppo CIR, produrrā le prime molle ammortizzatore in materiale composito per la nuova Audi A6 Avant 2.0 TDI ultra (140kW). Audi č la prima casa automobilistica al mondo a introdurre sul mercato con una produzione in serie la nuova tecnologia sviluppata con Sogefi. Le molle ammortizzatore, in particolare, garantiranno alla A6 Avant 2.0 una riduzione di peso di circa 4,4 kilogrammi rispetto alla tecnologia tradizionale, con un minor consumo di carburante, una migliore precisione di guida e maggiore comfort.

Sogefi, tra i leader mondiali nei sistemi motore e nei componenti elastici per sospensioni, ha brevettato questa tipologia di molla elicoidale in materiale composito con un peso tra il 40 e il 70% inferiore rispetto alle molle in acciaio tradizionali. Le nuove molle possono essere montate su vetture e veicoli commerciali leggeri senza modificarne il sistema di sospensione, garantendo una riduzione di peso di 4-6 kilogrammi del veicolo (in base al tipo di veicolo e al design della molla) e una significativa riduzione della massa non sospesa migliorando la precisione di guida. L'utilizzo in sostituzione dell'acciaio di questi materiali non soggetti a corrosione garantisce inoltre una minore rumorositā e una significativa riduzione delle emissioni di CO2 (fino a - 0,5 g per km). Le nuove molle in materiale composito garantiscono anche un miglioramento dell'impatto ambientale del processo di produzione rispetto a quello tradizionale. La realizzazione delle nuove molle, infatti, richiede un utilizzo di energia inferiore con conseguente ulteriore riduzione delle emissioni di CO2. 

15 settembre 2014 | 11:41 CEST

Contatti